Checkout
(0 items )
  • No products in the cart.

Glossario

Scalogni: si tratta di bulbi, praticamente come la cipolla e all’aglio, dal sapore però decisamente meno forte. Lo scalogno è utilizzato in cucina per la preparazione di soffritti o stufati. Proprietà Nutrizionali degli Scalogni: perché gli scalogni fanno bene? Perché sono ricchissimi di sali minerali, come tutti i bulbi d’altronde, gli scalogni contengono anche Vitamina C. Lo scalogno possiede proprietà disinfettanti e digestive.

Pomodori Secchi: si tratta di una preparazione dei pomodori più diffusa al Sud Italia. Sono pomodori, tagliati a metà, salati e messi a essiccare al sole. Una volta conclusa la fase di essiccatura, possono essere conservati o sott’olio in barattoli di vetro, altrimenti venduti al naturale per essere utilizzati in cucina nei più svariati modi. Proprietà Nutrizionali dei Pomodori Secchi: ricchissimi in Licopene, i pomodori sono un vero concentrato di salute per l’organismo.

Pasta Brisée: impasto tipicamente francese, simile alla nostra pasta sfoglia, a base di farina, burro, acqua e sale.  È una pasta decisamente grassa vista l’elevata quantità di burro nella ricetta; piuttosto semplice da preparare, purché si seguano precise indicazioni durante la lavorazione, che deve essere il più veloce possibile in modo da non surriscaldare troppo l’impasto e alterare le qualità finali della Brisée. Proprio per questo motivo, gli ingredienti utilizzati (burro e acqua), devono essere rigorosamente freddi!! Si inizia impastando la farina con il burro e un pizzico di sale, quindi si ottiene un composto non omogeneo e sbriciolato, a questo punto con l’aggiunta dell’acqua si amalgama il tutto ottenendo una palla ben omogenea e morbida. La pasta brisée è utilizzata generalmente per preparare torte salate da farcire nelle più svariate maniere, celebre è la Quiche Lorraine, nonché per preparazioni dolciarie.

Marshmallows: caramelle sofficissime, coloratissime, simili a tanti batuffoli di cotone. Si sciolgono in bocca al primo assaggio essendo tutto zucchero praticamente, sono tipici degli Stati Uniti. Il loro nome deriva dalla parola Mallow, che in inglese significa Malva, e che è appunto la pianta dal cui succo si ricavano poi i Marshmallows, marsh invece è riferito al fatto che la pianta di malva cresce in zone paludose (marshes ossia “palude” in inglese). In America si usa scottarli facendoli sciogliere leggermente, quindi si inseriscono tra due biscotti con un pezzo di cioccolata. Amati da piccoli e grandi, non possiamo negare che siano altamente calorici e non proprio genuini, ma come resistere ad una tentazione così dolce?! Sono le caramelle più soffici del mondo! In Italia sono commercializzate dall’Haribo

Bagnomaria: metodo di cottura indiretto impiegato soprattutto in pasticceria nella realizzazione di dolci i cui ingredienti temono sbalzi troppo repentini di temperatura. Per realizzare un vero bagnomaria è necessario munirsi di due pentole, una più piccola in cui andremo a mettere l’alimento da cuocere o scaldare, ed uno più grande contenente dell’acqua che dovremo far bollire, che andrà ad accogliere il pentolino più piccolo. ATTENZIONE: il fondo del pentolino interno non dovrà toccare il fondo della pentola esterna, solo in questo modo avrete realizzato un vero bagnomaria!! A bagnomaria è possibile sciogliere del cioccolato in blocchi, fondere del burro, scaldare pietanze, cuocere qualsiasi alimento; ovviamente va da sé che i tempi di una cottura a bagnomaria siano più lunghi di una cottura diretta.

Mostarda: frutta intera o tagliata a pezzettoni, lasciata candire con molto zucchero ed estratto di senape. In cucina è molto utilizzata come accompagnamento a formaggi, salumi, carni bollite, ecc. Dolce, per la frutta e lo zucchero presente, e al contempo leggermente piccante, per la presenza dell’essenza di senape, la ricetta della mostarda ha origine piuttosto remote. Molto famose sono la mostarda di Cremona, quella di Vicenza, la mostarda piemontese, la mostarda di Voghera, ecc. Molto diffuse durante il periodo natalizio in accompagnamento ai grandi bolliti di carne.

Trippa: frattaglia costituita dallo stomaco dei bovini adulti, rappresenta uno dei piatti della tradizione nostrana. Famosa è la trippa alla romana, alla milanese, alla sarda, ecc. Diffusa tutto l’anno, ad eccezione dei mesi caldi, la trippa ha diversi nomi a seconda della parte dello stomaco da cui si ricava (rumine, omaso, abomaso, reticolo). Viene venduta o trattata (bianca al colore) o solo spazzolata e non trattata (di colore più scuro tendente al grigio). Quest’ultima senz’altro più saporita, è però anche quella che meno si conserva; quindi va consumata subito o entro breve tempo.

Write a Reply or Comment:

Codice di Verifica * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.